Leadership: la lezione di Ike

eisenhower-in-case-of-failure-letter

C’è un manoscritto di Dwight D. Eisenhower che può ispirare leader e aspiranti tali, perché è un esempio concreto di alcune qualità che sono irrinunciabili per chi guida le persone.

Si tratta della dichiarazione che l’allora comandante delle forze alleate in Europa aveva preparato per il caso in cui lo Sbarco in Normandia (6 giugno 1944) fosse fallito. Il testo (conservato nei National Archives statunitensi) è breve, ma carico di insegnamenti:

I nostri sbarchi nell’area tra Cherbourg e Le Havre hanno mancato l’obiettivo di costituire una testa di ponte sufficientemente solida e io ho ritirato le truppe. La mia decisione di attaccare in questo momento e in questo luogo era basata sulle migliori informazioni disponibili. L’esercito, l’aviazione e la marina hanno fatto tutto ciò che il Coraggio e l’abnegazione potevano fare. Se biasimo o colpa derivano da questo tentativo, essi sono solo ed esclusivamente a mio carico.

Innanzitutto da sottolineare l’assunzione di responsabilità. Di fronte alla possibilità di un disastro che avrebbe cambiato il corso della storia mondiale, Eisenhower era pronto ad assumersi totalmente l’onere di quanto accaduto: niente alibi – “ho deciso sulla base delle migliori informazioni disponibili” – e niente scaricabarile – “la mia decisione”, prima persona singolare. A ciò si aggiunge la difesa esplicita dei sottoposti, di cui sono lodati esplicitamente il coraggio e l’abnegazione.

E poi il fatto di avere pre-visualizzato tutti gli scenari: la semplice esistenza di questa bozza testimonia che “Ike” Eisenhower aveva preso in considerazione in anticipo, a freddo e con onestà intellettuale, ogni possibile sviluppo della situazione, ed era quindi pronto ad agire in modo tempestivo ma non istintivo.

In queste poche righe, Eisenhower delinea il ritratto di un leader che non si nasconde davanti alle sconfitte, che difende i suoi collaboratori suscitando così in loro rassicurazione e fiducia (premesse indispensabili per la famosa pro-attività), che anticipa gli eventi visualizzando scenari alternativi e preparando le azioni conseguenti. Siccome questo signore ha vinto una guerra mondiale e poi è diventato presidente degli Stati Uniti, è il caso di prendere seriamente in considerazione il suo esempio.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>