Le 10 vie della felicità

9788891752284

Sono una scettica. Di fronte ad un libro che vorrebbe insegnarti ad essere felice, di solito sorrido e scantono. Però, conoscendo l’autore come persona seria, pragmatica e di grande profondità, ho affrontato la lettura “sospendendo il pregiudizio”. E ho fatto bene.

Daniele Mattoni tratta un termine all’apparenza aereo (la felicità, addirittura!) con approccio scientifico. Non avevo dubbi. In effetti, proprio all’inizio del libro, troviamo una bella e scorrevole analisi di cosa pensavano i filosofi più ascoltati a proposito di felicità. Ciò permette di affrontare l’argomento con un certo distacco, perché, non neghiamolo, parlare di felicità può far paura, e si rischia di sottovalutare il potenziale apprendimento che ci si aspetta da una lettura simile.

Secondo me questo trattato (definirlo libro è sminuente) va seguito avendo tempo e voglia di applicarsi allo studio, con onestà e mente libera, per guardarci dentro, cercare nuove domande, trovare risposte differenti. Scorrendo il lato filosofico e storico della teoria della felicità, intanto si apprendono un sacco di notizie e aneddoti che fanno vedere l’argomento sotto diversi punti di vista.

Dunque, l’autore, prima di suggerire le sue 10 vie verso la felicità, offre un ampio panorama, giusto per inquadrare il termine e per dare modo al lettore di prendersi le misure, di comprendere di cosa stiamo parlando e di decidere come continuarne la lettura. Dopo poche pagine di preambolo istruttivo, partono le 10 ricette di Daniele, che potrebbero essere le vie di ognuno, tanto alla fine i percorsi e i risultati saranno diversi. Non le racconto, queste vie, meglio scoprirsele da sé mettendole ognuno nel proprio ordine, trattandole con il giusto peso, soffermandosi su quelle che a ciascuno sembrano le più costruttive.

Trovo particolarmente sensati e apprezzabili questi libri che non vogliono insegnare nulla: mettono semplicemente li, a portata di mano/occhi/cuore, una serie di riflessioni già impacchettate, pronte da rielaborare a proprio piacimento.  Ancora una volta esco stupita da una nuova lettura così semplice, comprensibile eppure profonda, studiata. È un libro da leggere più volte e in più riprese: una volta per un volo panoramico, un’altra volta per qualche immersione nel proprio mare, e ancora e ancora per le riflessioni che verranno suscitate da ogni singolo capitolo.

Ha un ulteriore vantaggio, questo libro, soprattutto per coach, formatori, motivatori: è pieno zeppo di domande stimolanti, da utilizzare con parsimonia nei colloqui individuali o di gruppo, anche condividendo un singolo capitolo ed utilizzandolo come elemento di dialogo.

Buona lettura

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>