30% del tempo coaching va dedicato al business

Ogni coach adora essere un coach. E’ una professione appagante, impegnativa, sfidante, ricca di soddisfazioni e di delusioni (quando una sessione non viene benissimo, ad esempio). Il pericolo è guardarci troppo all’interno alla ricerca spasmodica della perfezione – e in questo caso diamo grande spazio al nostro immenso EGO, che invece andrebbe tenuto nascosto in cantina. Però… c’è un però. Purtroppo non possiamo sempre e soltanto essere/fare il coach. Ogni tanto ci tocca pure procurare i clienti, interessare le aziende, diffondere immagine e reputazione: insomma, tutte quelle belle (odiate) attività che rispondono al ruolo del “marketing”. Un bel 30% del nostro affollato tempo dovrebbe essere dedicato alla semina, se poi vogliamo continuare a raccogliere serenamente la parte morbida della torta. Ci viene in aiuto il web, sotto forma di MyMarketing.net , un sito davvero attento alle novità del settore, per un lavoro certosino di copia-adatta-incolla alla nostra necessità professionale.

MyMarketing.net

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>